. CUSTODIRE ovvero VENERDI’ 25 FEBBRAIO « passodopopasso

A piedi attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia per parlare di memoria…

partners

Contributi alla riflessione

76 Parole

Prestaci una tua Parola, la porteremo con noi per restituirla a...

CUSTODIRE ovvero VENERDI’ 25 FEBBRAIO

E’ una tappa non facile quella di oggi; l’avvicinamento a Milano si presenta ostico: le periferie delle grandi città dimostrano tutta la loro impenetrabilità a chi follemente decide di accedervi a piedi.

Allo  stesso modo mi appare difficile la parola di oggi: CUSTODIRE, non nel suo significato un po’ carcerario di sorvegliare e neanche in quello museale di conservare un bene, ma nel suo significato etico di proteggere avendo cura; la difficoltà mi sorge non nel comprenderne il senso, ma nel definire ciò che dobbiamo impegnarci a custodire: quali i criteri, quali i termini delle scelte che ci fanno dire questo sì, è da proteggere, questo no, può essere abbandonato al suo destino. Dice bene chi mi ha dato in prestito la parola di oggi che è importante recuperare il tesoro prezioso della Dignità dell’Uomo e custodirlo al di sopra di tutto. E’ un concetto di alto profilo e mi chiedo se noi con il nostro cammino siamo davvero in grado di perseguirlo e promuoverlo: basta un atto di memoria come questo che quotidianamente con i nostri passi stiamo perpetrando  a ridare dignità ad un umanità offesa o forse c’è bisogno di obiettivi concreti che ci aiutino a focalizzare meglio il concetto?

Continuo a cercare delle risposte, mentre il cammino ci porta all’interno della città, che poco per volta pare arrendersi, diventando più permeabile ed offrendoci i suoi  primi marciapiedi e attraversamenti pedonali.

Penso alla medaglia che il Presidente della Repubblica ci ha conferito, la porto sempre con me e la custodisco con attenzione; la mostro con orgoglio sentendo che in essa c’è racchiusa tutta quell’Italia che mi piace e che mi rende fiero di essere un cittadino di questo nostro Paese in questi tempi così duramente umiliato. Ed ecco, mi si accende un’intuizione e comprendo finalmente il mio obiettivo concreto: custodire la nostra Costituzione, nata dalla Resistenza, con cura e con amore, per difenderla dagli attacchi che gli giungono da più parti; custodire la nostra Carta che garantisce la dignità all’Uomo, i suoi diritti e i suoi doveri, riconosce la nostra Storia e onora chi ha dato la vita per ottenerla.

Giungiamo in Stazione Centrale che è ormai sera, siamo stanchi e frastornati; nonostante tutto saliamo le scale e ci portiamo fino al binario 21; qui una lapide ricorda ai viaggiatori attenti che nei sotterranei, proprio sotto i nostri piedi, dalla fine del’43 passarono migliaia di persone deportate ai campi di sterminio nazisti. Rimango in silenzio a guardare la lapide, stringo in mano la medaglia di Napolitano, grazie Presidente, grazie che ci sei!

25 febbraio

“Tra il dicembre 1943 e il maggio 1944 dai sotterranei di questa stazione cominciò il lungo viaggio di uomini, donne e bambini ebrei e oppositori politici deportati verso Auschwitz e altri lager nazisti. La loro memoria vive tra noi insieme al ricordo di tutte le vittime dei genocidi del XX secolo. – Poiché l’angoscia di ciascuno è la nostra (Primo Levi)” – Milano, Stazione Centrale

Guarda le foto

Guarda il video

Devi essere collegato per poter inserire un commento.