. ESSERE ovvero GIOVEDI’ 24 FEBBRAIO « passodopopasso

A piedi attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia per parlare di memoria…

partners

Contributi alla riflessione

76 Parole

Prestaci una tua Parola, la porteremo con noi per restituirla a...

ESSERE ovvero GIOVEDI’ 24 FEBBRAIO

Mi ricordo da ragazzo di aver letto su sollecitazione di un mio professore del  liceo “Avere o Essere” di Erick Fromm, che nella sua analisi faceva questa considerazione sulla società occidentale di allora: “tu più hai e più sei”, dunque, potremmo dire, più possiedi, più esisti. Un’ affermazione in cui la dimensione etica dell’esistenza risultava fortemente annichilita.

Sono passati oltre trent’anni da allora, ma a me sembra che oggi questo annichilimento si sia ulteriormente approfondito: infatti in questa nostra società contemporanea, sempre più orientata verso l’effimero, l’individuo per esistere è costretto ad apparire; dunque parafrasando Fromm potremmo dire: “più sei visibile, più esisti”, cioè, più appari e più sei.

Assistiamo impotenti al sopravanzare della dimensione estetica su quella etica, che predilige anche nei rapporti tra le persone una concezione eventistica della relazione che spinge a rapporti occasionali in luogo della ricerca di rapporti costanti e continuativi; così alla ricerca di relazioni profonde fondate su rapporti umani sostanziali e duraturi, sull’intesa dei pensieri, sulla condivisione dei valori e delle prassi, si sta sostituendo una relazione di superficie, che bada all’apparire più che alla sostanza.

Dove stanno allora le ragioni del nostro vivere quotidiano e dove si fondano i valori che ci fanno riconoscere come soggetti attivi, membri di una società civile e responsabile?

Credo che sia tempo di riaffermare con forza le ragioni del nostro agire sociale; le esperienze di questi giorni ci insegnano che c’è una fetta importante della società civile che sta cercando forme idonee per riaffermarle e nel nostro piccolo questo cammino può essere un inizio.

Oggi abbiamo incontrato i ragazzi di una scuola media a Trecate; nel pomeriggio raggiunta Vittuone, altri allievi ci attendevano, questa volta bambini delle Scuole elementari e poi a sera l’incontro con la popolazione adulta; con tutti, con linguaggi diversi, si è parlato di memoria, di cosa è il ricordo e soprattutto di cosa serve ricordare: pensieri semplici, sensazioni ed emozioni che proviamo e che sentiamo di condividere, che ci fanno sentire vivi e ci fanno dire che noi insieme siamo.

24 febbraio

Guarda le foto

Guarda il video

Devi essere collegato per poter inserire un commento.