. BAMBINI ovvero MARTEDI’ 22 FEBBRAIO « passodopopasso

A piedi attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia per parlare di memoria…

partners

Contributi alla riflessione

76 Parole

Prestaci una tua Parola, la porteremo con noi per restituirla a...

BAMBINI ovvero MARTEDI’ 22 FEBBRAIO

E’ un cammino in mezzo alle risaie quello di oggi, procediamo su strade che costeggiano canali, il paesaggio è piatto e i grandi appezzamenti di terreno vengono lavorati da trattori palestrati che rivoltano zolle fangose, nell’aria aleggia un profumo di mota; l’ambiente concilia la riflessione, mi isolo dagli altri, mi concentro e lascio emergere dal pozzo della mia memoria un ricordo d’infanzia: io e mia sorella tingiamo con le chine colorate chicchi di riso che con pazienza poi, una volta asciutti, incolliamo su un foglio a formare un mosaico; quanti chicchi di riso! Tanti.

In uno spettacolo allestito da una compagnia torinese, una versione asciutta e algida di “Se questo è un uomo”, quando entri in sala ti viene affidato un chicco di riso e ti viene raccomandato di averne cura; la scena è un tavolo operatorio in acciaio su cui incessantemente cade il riso, fino a formare un cumulo alto un metro, composto da sei milioni e mezzo di chicchi; solo alla fine dello spettacolo comprendi che il chicco di riso che ti è stato affidato è una briciola di memoria, un brandello di umanità spezzata; ho visto persone imbarazzate cercare quel chicco di riso nelle tasche, sotto le poltrone del teatro, dentro borse fagogitatrici di universi femminili; quanti chicchi di riso! Troppi.

Continuiamo il nostro cammino, ci imbattiamo in una grande casa colonica di proprietà dell’ospedale maggiore di Vercelli: aleggia nell’aria un senso di abbandono, edifici vuoti, degradati dall’incuria degli anni; costeggiamo il perimetro di questo piccolo paese fantasma accerchiato dalle risaie, c’è un silenzio irreale; cerco di immaginare la vita che conteneva durante l’epopea delle mondine, c’è persino un fabbricato destinato ad Asilo Nido, con i vetri rotti e un tendina scolorita e strappata che lascia intuire una fantasia di forme geometriche, immagino bambini vocianti, che gridano, che ridono, che piangono, bambini che adesso sono cresciuti, uomini e donne prossimi alla pensione, forse già nonni di  bambini vocianti, che gridano, che ridono, che piangono, che a loro volta cresceranno e forse diventeranno nonni.

Il mio amico Lino mi ricorda che così non fu per i bambini nei campi dello sterminio e mi affida un nome per tutti: SARAH ROSEN, aveva 5 anni quando diventò cenere a Treblinka. Passò gli ultimi mesi della sua vita in un letto, nascosta nel buio di un sottoscala. Non poteva uscire, così suo padre le dipingeva alberi e fiori sulle pareti. Di lei non resta più nulla, se non una vecchia foto che racconta un sorriso di bimba e fiori e alberi dipinti su un muro.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.