. passodopopasso

A piedi attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia per parlare di memoria…

partners

Contributi alla riflessione

76 Parole

Prestaci una tua Parola, la porteremo con noi per restituirla a...

CIVI EUROPAEO PREMIUM

Con soddisfazione ed emozione siamo orgogliosi di comunicare che il Parlamento europeo ha selezionato il progetto Passodopopasso come vincitore del CIVI EUROPAEO PREMIUM.

Il premio, come si evince dalla lettera di assegnazione, “… nasce con lo scopo di valorizzare le attività intraprese da cittadini, gruppi, associazioni o organizzazioni che si distinguono per un notevole impegno nella promozione di una maggiore comprensione reciproca e di una più forte integrazione tra le popolazioni degli Stati Membri come anche nell’agevolazione della cooperazione transfrontaliera o transnazionale nell’Unione europea o ancora per azioni quotidiane che mettono in pratica i valori contenuti nella Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea”.

Dopo la medaglia conferitaci dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, questo ulteriore prestigioso riconoscimento ci conferma l’importanza di un’iniziativa, che ha saputo contattare e coinvolgere lungo il cammino, durato 76 giorni, decine di migliaia di persone, creando una comunità di cittadini europei accomunati dal bisogno di costruire insieme una memoria condivisa e partecipata del nostro recente passato.

Vogliamo condividere il premio con tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, in particolare con i Comuni di Cuneo e Borgo San Dalmazzo che hanno saputo costruire intorno al cammino una solidarietà ed un’empatia degne del loro ruolo di città storicamente impegnate nella promozione dei valori europei della Resistenza, della Democrazia e della trasmissione della Memoria.

Dal questa straordinaria esperienza di cammino è nato lo spettacolo VIAGGIOADAUSCHWITZa/r, con cui stiamo ripercorrendo l’Italia, ma ancora tante sono le possibilità di costruire intorno a Passodopopasso occasioni di restituzione e condivisione; per questo invitiamo chi è interessato a contattarci e a collaborare con noi per continuare a tenere viva la memoria di una Storia che ci appartiene e di cui siamo figli.

1 maggio

E alla fine siamo giunti!

Dopo settantasei giorni di cammino, domenica primo maggio, alle ore dieci, siamo arrivati ad Auschwitz, chiudendo il conteggio dei chilometri percorsi a millenovecentoottantacinque.

Nell’ultimo tratto di strada eravamo in tanti. Infatti circa un centinaio di cuneesi, tra cui i sindaci di Cuneo, Borgo San Dalmazzo e Saluzzo, con il viaggio organizzato dalle ACLI o autonomamente in aereo o in camper ci hanno raggiunti per accompagnarci e condividere con noi l’emozione e la fatica di attraversare quel cancello tristemente famoso, su cui campeggia feroce la frase “Arbeit macht Frei”, che ti immette nel luogo simbolo del male assoluto.

È difficile trovare le parole per descrivere il tumulto di emozioni che ci ha travolto in quel momento, quando abbiamo avuto la consapevolezza di aver raggiunto la meta, un traguardo sofferto, agognato, desiderato e maledetto, a volte: una felicità mista a tristezza, poi all’improvviso il crollo della tensione e delle energie e il sopraggiungere di una strana sensazione di vuoto.

Dopo la visita al campo, abbiamo raggiunto la Jugen Rampe, nei pressi di Birkenau, il binario dove terminavano il loro viaggio i convogli diretti ad Auschwitz e dove sbarcarono il 26 febbraio del 1944 gli ebrei deportati dalla nostra provincia. Qui con un rito emozionante abbiamo piantato la betulla trasportata da Cuneo, utilizzando le terre raccolte di tappa in tappa lungo tutto il cammino.

Ieri, 3 maggio, dopo aver spedito le 837 cartoline che le persone incontrate in questi due mesi e mezzo ci hanno affidato, abbiamo iniziato il viaggio di ritorno. Rientro previsto a Cuneo venerdì 6.

RESISTENZA ovvero LUNEDI’ 21 MARZO

Da Mules al Brennero.

Oggi, primo giorno di primavera, percorriamo l’ultimo tratto di Italia; attraversiamo grandi prati che cominciano a rifiorire e tra qualche settimana saranno pascoli per le tante mucche che, linde e lustre come concorrenti di un concorso di bellezza, vediamo placide mangiare fieno nei recinti intorno alle case. Continua… «RESISTENZA ovvero LUNEDI’ 21 MARZO»

ORME ovvero DOMENICA 20 MARZO

Da Chiusa a Mules

Alla partenza da Chiusa siamo un bel gruppo, si sono aggiunti alcuni degli amici che ieri ci hanno accolto: percorriamo la pista ciclabile, affrontando la nostra prima vera giornata di cammino in salita lungo la valle dell’Isarco che ci porta al Brennero. Continua… «ORME ovvero DOMENICA 20 MARZO»

PACE ovvero SABATO 19 MARZO

Partiamo da Bolzano alla volta di Chiusa, attraversando la città per agganciare la lunga pista ciclabile che sale fino al Brennero: siamo circa una dozzina e ci muoviamo di buon passo in questa giornata che sa di primavera. Continua… «PACE ovvero SABATO 19 MARZO»

DIGNITA’ ovvero VENERDI’ 18 MARZO

Giorno di sosta a Bolzano, con visita alle poche vestigia del campo di Gries.

Dal luglio 1944, resosi insicuro Fossoli, le deportazioni continuarono dal nuovo campo di Bolzano, gestito dalle SS di Verona, con una guarnigione composta da tedeschi, sudtirolesi ed ucraini.

Continua… «DIGNITA’ ovvero VENERDI’ 18 MARZO»

COERENZA ovvero GIOVEDI’ 17 MARZO

È un momento di commozione il commiato con chi ci ha accolto ieri: a volte accadono strane alchimie nelle relazioni umane e persone con cui vivi pochi attimi intensi ti entrano profondamente nell’anima. Continua… «COERENZA ovvero GIOVEDI’ 17 MARZO»

LUCIDITA’ ovvero MERCOLEDI’ 16 MARZO

Da Trento a Laghetti

Continua… «LUCIDITA’ ovvero MERCOLEDI’ 16 MARZO»

RE-STARE ovvero MARTEDI’ 15 MARZO

Da Rovereto a Trento.

Tra le molteplici differenze e sfumature di significato che il verbo restare ha nella nostra lingua, credo che in questo cammino abbia per me un unico valore fondante, che sintetizza la mia motivazione personale a mettere un piede davanti all’altro per andare avanti, verso la meta. Continua… «RE-STARE ovvero MARTEDI’ 15 MARZO»

DOLORE ovvero LUNEDI’ 14 MARZO

Da Belluno Veronese a Rovereto.

Il 14 marzo è l’anniversario del mio matrimonio e proprio per questo ho derogato al principio della casualità, destinando ad oggi la parola che mi ha affidato con fatica mia moglie.

Continua… «DOLORE ovvero LUNEDI’ 14 MARZO»

CALORE ovvero domenica 13 MARZO

Da Pescantina a Belluno Veronese

In genere mi dico che non bisogna credere alle coincidenze, ma in questa giornata grigia, fredda e piovosa in cui la parola, per ironico contrasto, è calore, quasi che la parola in quanto tale avesse un potere evocativo, ci siamo imbattuti in una serie di situazioni straordinariamente ricche di calore umano. Continua… «CALORE ovvero domenica 13 MARZO»

NOME ovvero SABATO 12 MARZO

Giornata di sosta a Pescantina.

Quanto è importante il nome? È una cosa immateriale ma pesante, che ti porti sulle spalle, ti si modella addosso e si adatta alla tua personalità; sovente comprende una storia identitaria che può essere familiare, del territorio o sociale.

Continua… «NOME ovvero SABATO 12 MARZO»

CUORE ovvero VENERDI’ 11 MARZO

Da Villafranca a Pescantina passando per Verona.

Lasciamo Emmaus mentre “i comunitari” si stanno avviando al lavoro, ci salutano con calore: nel breve tempo in cui siamo stati insieme abbiamo creato una fragile confidenza, basata sulla curiosità e sulla simpatia reciproca.

Continua… «CUORE ovvero VENERDI’ 11 MARZO»

EDUCAZIONE ovvero GIOVEDI’ 10 MARZO

Il cammino di oggi è un percorso in mezzo alla campagna e ai canali del Mincio, tra Mantova e Villafranca di Verona: un viaggio per strade sterrate attorniati dai mezzi agricoli che lavorano e concimano la terra; i miei pensieri corrono veloci, molto più dei miei passi. Continua… «EDUCAZIONE ovvero GIOVEDI’ 10 MARZO»

ALBERI ovvero MERCOLEDI’ 9 MARZO

Abbiamo percorso il nostro cammino di oggi e siamo giunti a Mantova; ora ci attendono in municipio; procediamo solenni con la nostra piccola betulla.

Continua… «ALBERI ovvero MERCOLEDI’ 9 MARZO»

RITMO ovvero MARTEDI’ 8 MARZO

Da Fossoli a Suzzara, trenta chilometri. Una tappa di trasferimento, dopo le grandi emozioni di ieri: trentacinquemila passi fatti lentamente, sentendo il ritmo del proprio cuore; d’altra parte che cos’è il nostro viaggio se non un mettere un piede davanti all’altro, passo dopo passo, cercando una sintonia, un’andatura, un ritmo comuni in modo che nessuno resti indietro? Continua… «RITMO ovvero MARTEDI’ 8 MARZO»

BUIO ovvero LUNEDI’ 7 MARZO

Giornata dedicata alla memoria quella di oggi, con il percorso da Carpi fino a Fossoli, il campo di internamento e transito della deportazione italiana: di lì sono passate oltre cinquemila persone, tra le quali gli ebrei catturati nella nostra provincia: raggiungere quel luogo, percorrerlo e scoprirlo è stato entrare realmente dentro la storia che sottende il nostro cammino. Continua… «BUIO ovvero LUNEDI’ 7 MARZO»

ACCONSENTIRE ovvero DOMENICA 6 MARZO

Partiamo al mattino da Modena, alla volta di Carpi; è una giornata calda, sembra di essere in piena primavera. Siamo un bel gruppo eterogeneo, c’è voglia di parlare, di scambiarsi impressioni, di raccontarsi aneddoti e storie; condividiamo anche la parola del giorno: “acconsentire”.

Continua… «ACCONSENTIRE ovvero DOMENICA 6 MARZO»

VIAGGIA CON NOI NELL’ULTIMA TAPPA

CUNEO – AUSCHWITZ

29 APRILE – 3 MAGGIO 2011

Venerdì 29 aprile 2011: CUNEO/BRNO (1200 km.)

Continua… «VIAGGIA CON NOI NELL’ULTIMA TAPPA»

CIELO ovvero SABATO 5 MARZO

Dopo giorni di tempo grigio piombo, è finalmente un cielo sereno, quello che ci accompagna nel nostro procedere verso Modena: sole, azzurro e grandi nuvole bianche, compatte. Continua… «CIELO ovvero SABATO 5 MARZO»

E ovvero VENERDI’ 4 MARZO

E’ un cammino nella pianura nebbiosa reggiana quello di oggi; un tragitto segnato dal sangue dei Partigiani uccisi dalla brigate nere, tra le strade e i sentieri che collegano il Museo Cervi a Reggio Emilia.

Continua… «E ovvero VENERDI’ 4 MARZO»

VOLONTA’ ovvero GIOVEDI’ 3 MARZO

Camminiamo in fretta, è un giorno importante, meta della tappa è la casa museo Cervi: andiamo ad incontrare un pezzo di Storia che per noi è uno dei miti della lotta antifascista. Continua… «VOLONTA’ ovvero GIOVEDI’ 3 MARZO»

SORRISO ovvero MERCOLEDI’ 2 MARZO

Tappa lunga e di trasferimento quella di oggi, senza soste, da Busseto a Parma; le previsioni meteo ci preannunciavano brutto tempo, con neve e abbassamento delle temperature, invece ci svegliamo in un’alba serena con un clima già primaverile. Continua… «SORRISO ovvero MERCOLEDI’ 2 MARZO»

MEMORIA ovvero MARTEDI’ 1 MARZO

Ieri una classe quinta elementare ci ha accolto a Piacenza; una trentina di bambine e bambini con le loro maestre ci sono venuti incontro sul ponte sul Po, appena ricostruito dopo l’alluvione di alcuni anni fa, e, incuranti del freddo e della pioggia, ci hanno festosamente accompagnati in stazione per concludere la nostra tappa. Continua… «MEMORIA ovvero MARTEDI’ 1 MARZO»

PEZZO ovvero LUNEDI’ 28 FEBBRAIO

Camminiamo sotto una pioggia battente alla volta di Piacenza, nessuno ci accompagna oggi, fa freddo, ci scambiamo poche parole, giusto lo stretto indispensabile, lasciamo spazio ai pensieri, mentre il traffico sfila al nostro fianco.

Continua… «PEZZO ovvero LUNEDI’ 28 FEBBRAIO»

CAREZZA ovvero DOMENICA 27 FEBBRAIO

«Cari figlioli, tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa…» quella sera quante mani avranno devotamente compiuto quel gesto, quante guance, quante teste avranno ricevuto quelle mani: era l’ottobre del 1962, migliaia, migliaia di migliaia di carezze.

Continua… «CAREZZA ovvero DOMENICA 27 FEBBRAIO»

Il Cammino di Marcella

E’ partito il cammino di Marcella!
Seguilo all’indirizzo http://www.camminodimarcella.movimentolento.it/it/

PAURA ovvero SABATO 26 FEBBRAIO

Attraversiamo Milano con un percorso centrifugo che ci porta dalla Stazione verso la periferia orientale; il procedere è inverso rispetto a ieri e più ci avviciniamo al limite estremo della metropoli, più incontriamo difficoltà nel nostro cammino.

Continua… «PAURA ovvero SABATO 26 FEBBRAIO»

CUSTODIRE ovvero VENERDI’ 25 FEBBRAIO

E’ una tappa non facile quella di oggi; l’avvicinamento a Milano si presenta ostico: le periferie delle grandi città dimostrano tutta la loro impenetrabilità a chi follemente decide di accedervi a piedi.

Continua… «CUSTODIRE ovvero VENERDI’ 25 FEBBRAIO»

ESSERE ovvero GIOVEDI’ 24 FEBBRAIO

Mi ricordo da ragazzo di aver letto su sollecitazione di un mio professore del  liceo “Avere o Essere” di Erick Fromm, che nella sua analisi faceva questa considerazione sulla società occidentale di allora: “tu più hai e più sei”, dunque, potremmo dire, più possiedi, più esisti. Un’ affermazione in cui la dimensione etica dell’esistenza risultava fortemente annichilita.

Continua… «ESSERE ovvero GIOVEDI’ 24 FEBBRAIO»

COMPASSIONE ovvero MERCOLEDI’ 23 FEBBRAIO

Mi piace pensare che COMPASSIONE possa avere oltre alla sua derivazione etimologica cum-patior (soffro insieme) anche quella più solare di Sun paqos, (provo le stesse sensazioni).

Continua… «COMPASSIONE ovvero MERCOLEDI’ 23 FEBBRAIO»

BAMBINI ovvero MARTEDI’ 22 FEBBRAIO

E’ un cammino in mezzo alle risaie quello di oggi, procediamo su strade che costeggiano canali, il paesaggio è piatto e i grandi appezzamenti di terreno vengono lavorati da trattori palestrati che rivoltano zolle fangose, nell’aria aleggia un profumo di mota; l’ambiente concilia la riflessione, mi isolo dagli altri, mi concentro e lascio emergere dal pozzo della mia memoria un ricordo d’infanzia: io e mia sorella tingiamo con le chine colorate chicchi di riso che con pazienza poi, una volta asciutti, incolliamo su un foglio a formare un mosaico; quanti chicchi di riso! Tanti.

Continua… «BAMBINI ovvero MARTEDI’ 22 FEBBRAIO»

Un saluto da Vercelli, ottava tappa di viaggio

La prima settimana si è conclusa, con centosessantotto chilometri percorsi; giornate intense, piene di emozioni, di incontri e di passi fatti lentamente.Ed è proprio di lentezza che vi vorrei parlare! Quella lentezza che esige una riconquista del proprio tempo, un riscatto dai ritmi spesso inumani che nel nostro vivere quotidiano inopinatamente ci imponiamo.

Continua… «Un saluto da Vercelli, ottava tappa di viaggio»

SU ovvero LUNEDI’ 21 FEBBRAIO

SU, è per me una preposizione ambigua: idealmente trasmette forza, energia positiva, desideri di altezze, voli straordinari al di là delle nuvole, voglia di vertigini, ma istintivamente mi richiama pensieri  pesanti, visioni di carichi gravosi sulle spalle, cose che cadono sulla testa.

Continua… «SU ovvero LUNEDI’ 21 FEBBRAIO»

DISPONIBILITA’ ovvero DOMENICA 20 FEBBRAIO

Attraversiamo nella pioggia Torino, siamo in tanti, più del previsto dato il tempo, ci hanno raggiunto amici di vecchia data e nuovi amici che nei giorni scorsi hanno camminato con noi. Mi guardo intorno e cerco DISPONIBILITA’: ma cosa vuol dire poi disponibilità se escludiamo il suo significato prettamente materiale e contabile? Se uno concede la propria disponibilità, vuol dire che è una persona disponibile? Disponibile per chi o per che cosa? Mi viene da rispondere disponibile all’altro, agli altri!

Continua… «DISPONIBILITA’ ovvero DOMENICA 20 FEBBRAIO»

PANE ovvero SABATO 19 FEBBRAIO

… considerate se questo è un uomo, che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per un pezzo di pane, che muore per un sì o per un no…

PRIMO LEVI

Continua… «PANE ovvero SABATO 19 FEBBRAIO»

MAI ovvero VENERDI’ 18 FEBBRAIO

Prima di oggi non avevo mai considerato quanto l’avverbio MAI implicasse, nel suo uso, un profondo rispetto del concetto di Tempo: proiettato nel passato il MAI fa rivolgere il nostro sguardo ai fatti accaduti e introduce l’idea di STORIA, sia essa sociale e collettiva oppure individuale e personale; il MAI che guarda al domani invece travalica il futuro prossimo e protende verso l’INFINITO. Questa piccola parola fatta di tre lettere racchiude in sé un sapore di assoluto che la rende ostile, difficile da afferrare.

Continua… «MAI ovvero VENERDI’ 18 FEBBRAIO»

ANIMALI ovvero GIOVEDI’ 17 FEBBRAIO

Se parliamo di animali, non si può non raccontare di Ubaldo, lungo cane speciale a basso regime di giri: fedele e instancabile ci segue o ci precede senza perderci di vista; fotografato, coccolato e accarezzato da tutti, sta diventando il simbolo di questo lento cammino che oggi si snoda in mezzo ad una campagna viva, seppur ancora affetta da una persistente letargia invernale.

Continua… «ANIMALI ovvero GIOVEDI’ 17 FEBBRAIO»

PIETRA ovvero MERCOLEDI’ 16 FEBBRAIO

Nevica di una neve pesante e bagnata, ma siamo in quindici alla stazione pronti per partire.

Lungo il viadotto che ci allontana da Cuneo, stringo in tasca cinque piccole pietre che hanno una storia ed implicano un impegno.

Continua… «PIETRA ovvero MERCOLEDI’ 16 FEBBRAIO»

ELENCO ovvero MARTEDI’ 15 FEBRAIO

Il giorno del debutto è compiuto!

Il giorno della ricorrenza, del ricordo, di quel 15 febbraio di un tempo lontano, ma non remoto; il giorno in cui l’elenco di quei 26 nomi si è concluso.

Continua… «ELENCO ovvero MARTEDI’ 15 FEBRAIO»

FINALMENTE SI PARTE!

UN GRAZIE DI CUORE A TUTTI QUELLI CHE CI HANNO AIUTATO, INCORAGGIATO, SOSTENUTO E CHE HANNO RESO POSSIBILE LA NOSTRA PARTENZA

Continua… «FINALMENTE SI PARTE!»

… Stiamo per partire

Programma di martedì 15 febbraio 2011

Continua… «… Stiamo per partire»

Cose illuminate

7/18 FEBBRAIO 2011

SALA MANIFESTAZIONI UFFICIO TURISTICO
Via Boves - BORGO SAN DALMAZZO
lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alla 12
martedì e giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17

Continua… «Cose illuminate»

Venerdì 3 Dicembre, Teatro Toselli – Cuneo

Continua… «Venerdì 3 Dicembre, Teatro Toselli – Cuneo»

Giovedi 18 Novembre 2010. h 18.00

PRESENTAZIONE VIAGGIO

Giovedi 18 Novembre 2010. h 18.00
Centro Congressi Provicia di Cuneo – Sala Falco
L’IDOLO DELLA MEMORIA

Interverrano: Alberto Cavaglion, Sarah Kaminski, Gimmi Basilotta

scrittorincitta - cuneo

Seguici passo dopo passo…. >>

A piedi attraverso l’Italia, l’Austria, la Repubblica Ceca e la Polonia per parlare di memoria e per fare memoria, cercando di recuperare un senso tra passato, presente e futuro.cartolina

Continua… «»